lunedì 15 gennaio 2018

Perchè andare a Melk, nella Valle del Danubio

Appunti del mio primo viaggio in camper: da Vienna a Melk



Eccomi ad un'altra tappa del mio primo viaggio in camper la cui meta, l'Austria, ha lasciato dei ricordi indelebili. 

Nel post precedente vi ho raccontato come, partiti da Taranto, siamo arrivati a Vienna attraverso un itinerario che rifarei ma con una consapevolezza maggiore sulla bellezza delle località toccate, alcune non previste ma che mi hanno lasciato lo stupore di chi vede per la prima volta estesi paesaggi verdi

Altre, forse perché riponevo più aspettative, che non mi hanno entusiasmato.

Forse colpa delle temperature troppo alte in quell'estate del 2003 - che non ci lasciavano respirare - e le continue piogge pomeridiane e serali che ci costringevano ad acquistare ombrelli e impermeabili ogni giorno. 
Di certo, uscivamo con il sole torrido la mattina e nessuno poteva prevedere il cambiamento così repentino fino alla sera.  
Anche se credo che almeno dopo tre giorni di questa consuetudine, forse avremmo potuto essere più previdenti. 😊

Il sesto giorno di viaggio in Austria - quindi ci avevamo messo sei giorni da Taranto a Vienna - 1500 km circa - si era deciso di andare via perché, guardando la mappa, eravamo stati attratti da un itinerario che costeggiava il Danubio, a parer nostro molto ma molto più intrigante.

E così, dopo essere stati a Grinzing, vicino Vienna, a rifocillarci in un tipico locale del posto, il giorno di ferragosto ci rimettiamo in viaggio, direzione Melk.  



Da Vienna a Melk  110 km 


Per andare da Vienna a Melk si può percorrere la A1 austriaca e in circa un'ora si arriva a destinazione. 

Noi invece avevamo deciso di costeggiare il Danubio e la valle intorno per goderci l'incantevole panorama della campagna ed esplorare zone poco frequentate dal turismo di massa. Che poi in definitiva in meno di due ore si arriva.

Ecco cosa scrivevo nei miei appunti di viaggio: "La lentezza dello scorrere del fiume e il paesaggio dolce è rigenerante. Ci ripaga del tratto più lungo scelto"

Siamo arrivati a Melk alle 18,15 e naturalmente era tutto chiuso. In Austria tutto si ferma alle 18,00!!

Melk è una deliziosa e tipica cittadina austriaca e si trova nella Bassa Austria (Niederösterreich) nella zona della Wachau, la zona più bella della valle del Danubio, ed è dominata dalla bellissima abbazia benedettina che è l'attrazione principale, nonché patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.
👉D'estate, per entrare all'Abbazia, l' ultimo orario di ingresso è alle 17,00.


Cosa rende l'Abbazia di Melk così interessante?



Oltre a trovarsi su un promontorio in una posizione invidiabile, per cui dalla sua terrazza è possibile ammirare uno splendido panorama sulla città e sulla valle, l'Abbazia di Melk possiede una famosissima e ricchissima biblioteca, costituita da 20 sale, in cui si conservano attualmente 1800 manoscritti medievali, 750 incunaboli e oltre 100.000 libri di età successiva.
Di recente, nel 1997, tra i manoscritti medievali si è scoperto un frammento di una copia del 1300 del Canto dei Nibelunghi.

Ed ecco che mi assale quella emozione di fronte a tanta maestosità, custode di un patrimonio ineguagliabile.
Migliaia di libri antichi che amo sfiorare e accarezzare lentamente pensando alla loro storia nel tempo.


Foto Emgonzalez

Non è solo la biblioteca l'unico splendore dell'Abbazia. 
La chiesa dell'Abbazia è un capolavoro barocco dei primi del 1700, che esprime tutta la sua imponente ricchezza grazie ai colori oro, arancio, grigio e verde, di cui sono dipinti gli interni e gli affreschi del soffitto.
Basta guardare questo angolo della chiesa nella foto sotto per immaginarla interamente.
Non si può far altro che ammirare tale opera eccellente nel silenzio più assoluto perché l'impatto sul visitatore è di profonda commozione per la sua bellezza.



Devo dire che la valle del Danubio e Melk, con la sua Abbazia, hanno impreziosito il mio viaggio in Austria come due pregiate perle bianche che andranno a formare la collana dei ricordi più belli.

A proposito di Melk, avete letto il libro "Il nome della Rosa" di Umberto Eco? Se l'avete dimenticato andate a rileggerlo. 

Dopo aver passato una intera giornata a Melk, tra l'abbazia, una passeggiata nella cittadina a fare shopping (ovvio 😄!!!! ), un abbondante pranzo preparato sotto l'ombra degli alberi, il nostro primo viaggio in camper continua e la prossima destinazione è Salisburgo, la città di Mozart e delle palle di Mozart.
Ma questo ve lo racconto la prossima volta. 🙋


  

29 commenti:

  1. L'abbazia è semplicemente stupenda! Melk è un luogo che non conoscevo ma dal tuo racconto credo ne valga veramente la pena. E poi costeggiare il Danubio credo sia stata davvero una bellissima esperienza! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando abbiamo deciso di fare il viaggio in Austria non era nei nostri programmi. Anche io non ne avevo sentito mai parlare. Poi ci sono quelle coincidenze che sembrino ti dicano "dai, dai vieni". E così ho conosciuto Melk e la sua Abbazia di una bellezza straordinaria.

      Elimina
  2. Che città stupenda! Anche io ho viaggiato molto in camper con i miei genitori, ma qui non ci sono stata! Mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scoprirla per noi è stato un piacere e aggiungo anche emozionante

      Elimina
  3. Che bello questo racconto di viaggio!! E l'abbazia di Melk deve essere davvero una chicca.. devo assolutamente rileggere Il nome della Rosa adesso!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Valentina. Confermo che l'abbazia è davvero straordinaria.

      Elimina
  4. Mamma mia, l'estate del 2003 penso ce la ricordiamo ancora tutti per quel caldo insopportabile! Comunque la valle del Danubio mi ispira un sacco, noi poi siamo vicini all'Austria e partiremmo avvantaggiati. Melk sembra davvero interessante, l'abbazia poi da vedere assolutamente credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siete fortunati ad essere vicini all'Austria. Noi per arrivare al confine ci mettiamo una giornata. Se ti è possibile fai un salto a Melk

      Elimina
  5. Viaggio impegnativo in auto! Però avete visto dei luoghi fuori dalle rotte classiche come Melk, deve essere stato interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi non consideriamo il camper come un'auto. Il camper è una casa che ti porti dietro che ti permette di decidere se restare in un posto o andare via.

      Elimina
  6. Bellissima l'abbazia! Non conoscevo Melk, tra l'altro! Grazie per le dritte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io leggendo gli articoli di amiche blogger scopro posti che non conoscevo. Forse questa è la parte più bella: conoscere il mondo senza esserci mai stato.

      Elimina
  7. Mamma mia che bellezza! Non solo non ho mai visitato Melk ma non ne avevo mai sentito parlare prima d'ora! Ecco il valore del seguirsi tra travel blogger: scoprire posti nuovi e inaspettati. Ciao Maria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Roberta, lo penso anche io. Devo proprio dire che quando mi chiedono dell'Austria la prima località di cui parlo è Melk e la sua abbazia.

      Elimina
  8. Wow Melk è stupenda!! Adesso voglio assolutamente organizzare un on the road in Austria (perché oltre a Innsbruck e Salisburgo non ho visto altro purtroppo) costeggiare il Danubio, perdermi in quella biblioteca da sogno! Grazie per avermi fatto conoscere questa città!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur essendo conosciuta l'abbazia sto constatando che a molti non era nota (nemmeno a me). Solitamente si scelgono le località più note tralasciando alcune chicche. La nostra fortuna è che andavamo con il camper e questo ci ha permesso di scoprire Melk.

      Elimina
  9. Melk è entrata di diritto nella nostra lista di posti da visitare dopo aver letto il tuo articolo!!
    E' fanstastico pensare di potersi perdere nei libri dell'abbazia.
    Mi hai fatto viaggiare con la fantasia e sognare questi luoghi che hanno il loro fascino proprio nelle distese di paesaggi verdeggianti !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Giulia, tieni in considerazione questo posto. É un posto molto bello ( come tutta l'Austria d'altronde) e scoprirlo per me è stato sensazionale.

      Elimina
    2. Mi fa piacere, tieni in considerazione questo posto. É molto bello (come tutta l'Austria d'altronde) e scoprirlo per me è stato sensazionale.

      Elimina
  10. Tutta quella parte del Danubio mi manca e dopo aver visto questa Abbazia ci andrei anche domani! ultimamente sono alla ricerca di architetture come questa e farci foto da tutte le angolature. Magnifico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bel Danubio blu nasconde bellezze da immortalare. A Melk non resterai delusa, fidati!

      Elimina
  11. Una zona che mi manca ma mi incuriosisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente incuriosisce tanto perla sua struttura

      Elimina
  12. Non conoscevo, Melk e la sua strepitosa storica abbazia, devo recuperare quanto prima... mio marito vuole tornare a Vienna, quale scusa migliore?Grazie del bel post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco si, se ritorni a Vienna allunga fino a Melk

      Elimina
  13. Prenderò in considerazione Melk la prossima volta che vado a Vienna, non la conoscevo affatto!

    RispondiElimina
  14. Non conoscevo questa localita' e la sua abbazia, l'Austria ha sicuramente molto da offrire.

    RispondiElimina
  15. La Valle del Danubio è fantastica dall'inizio alla fine. E' un ottima ispirazione per conoscere alcuni pezzi d'Europa molto noti e altri davvero sconosciuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero è tutta bella. Il Danubio mi evoca un non so che di romanticismo. Chissà come sarebbe bello navigarci sopra dalla sorgente alla foce,

      Elimina