martedì 19 dicembre 2017

3 (+1) consigli per visitare Meteora



Meteora, sospesa tra il cielo e la terra, eccovi 3(+1) consigli per visitarla 

Destinazione Grecia, Meteora consigli per visitarla


Ci sono luoghi sulla Terra che non mi immaginavo nemmeno che potessero esistere e che, una volta che ci sono andata, mi hanno 
lasciato letteralmente a bocca aperta. 

Sono sicura che farebbero lo stesso effetto anche a voi . 

Sono stata a Meteora, in Grecia, due volte, e oggi vi racconto di questo sorprendente posto nato 60 milioni di anni fa - forse anche di più - quando con i continui movimenti e trasformazioni della Terra si plasmarono ed emersero delle formazioni rocciose straordinarie e inconsuete.  

Primo suggerimento. Meteora è una località che attrae molti visitatori, per cui, se volete andarci, armatevi di pazienza perché ne vale veramente la pena.

Abbiamo studiato tutti la storia della Grecia fin dalle scuole elementari e credetemi ero emozionata sapendo che tra le destinazioni del viaggio in Grecia c'erano l'Epiro e la Tessaglia. 

Voglio fare una piccola parentesi sull'Epiro perché mi tocca da vicino.

La storia narra che Taranto per non cedere ai Romani chiamò in aiuto Pirro il re dell'Epiro che per questa guerra portò 30 elefanti in Italia. Fu uno scontro violento e sanguinoso, Pirro vinse la guerra ma rimase sconvolto per le perdite subite e se ne tornò in patria. I romani ebbero così campo libero e conquistarono la Magna Grecia.
Da allora si usa l'espressione  "Vittoria di Pirro" per definire una vittoria inutile.



Meteora

Si arriva a Meteora, che dista 5 chilometri da Kalambaka, sbarcando con il traghetto a Igoumenitsa e prendendo l'autostrada Egnatia (A2) che - pensate - arriva fino al confine con la Turchia.  Sono 335 km e ci vogliono circa 3 ore.

Perché si chiama Meteora? 

Quando nel XIV secolo, il monaco Atanasio fondò il primo monastero sulla roccia più alta, 613 m sul livello del mare, decise di dare a questa roccia il nome Meteora, in aria, sospeso tra il cielo e la terra. 
Ed è proprio questa la sensazione che ho avuto, quella di essere sospesa tra il cielo e la terra!

É strano giungere a Meteora dopo aver fatto tutto un percorso con un paesaggio non proprio esaltante. É strano perché all'improvviso si parano davanti strutture come grattacieli spuntati dalla terra e io in quel momento non riuscivo a staccare gli occhi da loro, chiedendomi come fosse stato possibile la formazioni di tali rocce isolate e a picco sulla piana.

Se dal basso fanno questo effetto immaginate la meraviglia che si prova in cima.

Una strada tortuosa porta fino ad un parcheggio e da lì a piedi ci si incammina per salire sulla sommità della platy lithos, la pietra grande di questo bosco pietroso, e giungere al Monastero della Trasfigurazione di Cristo.

É inevitabile chiedersi come facevano i monaci a salire al monastero.

Fino al 1923 hanno utilizzato una serie di scale di corda e reti pendenti ad un argano che li faceva andare su e giù. Oggi sono vietate e si arriva in alto salendo i 115 gradini che si incuneano nella roccia.



Secondo suggerimento. Ricordatevi che è un luogo di culto per cui non si può entrare con gonne corte, canottiere e pantaloncini. Regola valida anche per gli uomini. 
Munitevi almeno di un pareo e se ne siete sprovvisti, nessun problema, all'ingresso ve ne forniranno uno.

Una volta entrata mi sono resa conto che la faticosa salita è subito ricompensata dall'atmosfera che regna nel monastero, e se c'è un posto che unisce bellezza spirituale, architettonica e naturalistica, ecco questo è il luogo giusto.

Il culto praticato è quello ortodosso e le chiese sono un tripudio di icone dorate, cortine divisorie intarsiate, ricchi affreschi  e candele tremolanti. 

Nonostante la presenza di molti visitatori, i monaci sono disponibili e pazienti e si avverte tutt'intorno in modo palpabile il silenzio e la solitudine.

Inevitabilmente si è pervasi da un sentimento di fede e, in questo stato di emozioni, viene spontaneo e dal cuore recitare una preghiera ed accendere una candela. 



L'affaccio alla balconata del monastero presenta un panorama che lascia senza fiato. Dall'alto dei 600 metri si gode la vista sulla verde piana tessalica fino al fiume Peneo che attraversa la valle. 

A dir poco spettacolare!! 

E se la macchina fotografica non si può usare nelle chiese e nelle cappelle, qui si da sfogo a tutto il desiderio represso di immortalare per sempre le bellezze panoramiche  e gli altri monasteri che sono posti come corone in cima ai pinnacoli rocciosi. 

Terzo suggerimento. I monasteri che si possono visitare sono solo sei e il giro si può fare in un giorno.  Ricordatevi però che sono distanti alcuni chilometri tra loro, quindi scarpe comode! 





Come dicevo prima, sono stata due volte a Meteora e mi chiedevo se ci ritornerei ancora.
La mia risposta è si! 

Questa volta, più che per la curiosità di vedere un paesaggio misterioso, ritornerei per approfondire il lato spirituale e meditativo. 

Vorrei lasciarvi un ultimo consiglio. I monasteri nel periodo estivo (1 aprile-31 ottobre) non aprono prima delle 9,00 e chiudono prima delle 18,00. Ogni monastero ha un giorno di chiusura diverso. Quindi è bene informarsi prima 😉




Dopo questi 3 + 1 consigli sono sicura che siete pronti per andare in Grecia a visitare Meteora. 
E poi fatemi sapere come è andata. 🙋 






26 commenti:

  1. Che belli questi luoghi, mi piacciono veramente molto! Non li conoscevo! Grazie per avermeli fatti scoprire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piacciono. Ti consiglio di organizzarti e andarci, non resterai delusa

      Elimina
  2. Quando a dai a Meteora avevo solo 14 anni. Puoi immaginare la meraviglia... Ho un ricordo strepitoso di quel viaggio, tanto che da allora non sono più andata, temendo di rovinare l'immagine che ho in testa. Non perché Meteora rischi di apparirmi meno bella ma perché le forti emozioni non sono replicabili. Chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero le forti emozioni non sono replicabili ma a volte si possono vedere le cose sotto un altro punto di vista e con più consapevolezza

      Elimina
  3. Di Meteora avevo letto solo sui libri di storia, una rivelazione come meta turistica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, io invece non ne avevo mai sentito parlare. Io ho visto questo posto sotto l'aspetto geologico molto molto interessante

      Elimina
  4. E pensare che non conoscevo Meteora! Davvero meravigliosa, ma con un nome che significa sospesa tra cielo e terra nona avrei dovuto aspettarmi nulla di diverso! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sembra molto romantico come nome?

      Elimina
  5. Ho scoperto questo posto recentemente e mi hai fatto venire ancora più curiosità :D
    Mi toccherà andare ;)

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questi luoghi! Articolo molto interessante!! 😊😊

    RispondiElimina
  7. Bello questo monastero! Per ora in Grecia sono stata solo a Santorini,ma so già che è un paese che amerei alla follia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, la Grecia come ogni altro posto al mondo, ha i suoi lati belli ed altri meno belli. Altri posti belli si trovano nelle isole ionie come Zante, Cefalonia

      Elimina
  8. Impressionante! Mi sono sempre chiesta se oggi questi monasteri fossero ancora accessibili...grazie dei consigli :)

    RispondiElimina
  9. Incantevole! Non conoscevo Meteora e mi affascina tantissimo. La sua vista, la storia... un post interessante da leggere la mattina di Natale davanti a un buon caffé. Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh mi fa piacere che il giorno di Natale io fossi con te :D

      Elimina
  10. Strano leggere che è pieno di turisti, chissà perché me l'ero immaginato come un luogo un po' abbandonato. Ma in ogni caso è troppo bello per rinunciarci! La Grecia sorprende sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece ci va tanta gente, è pieno di turisti. Forse ci saranno periodi meno affollati ma io ci sono stata sempre nel periodo a cavallo di ferragosto.

      Elimina
  11. Mentre leggevo il tuo post mi sentivo già lì. Un posto che non avevo mai sentito nominare prima, ma che immagino ricco di fascino e di storia. La Grecia è un Paese bellissimo, mi dico sempre di dedicarle più attenzione, ma non lo faccio. Magari questa nuova meta è l'occasione giusta per iniziare a programmare un viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Grecia ha il suo fascino ricco di storia... chi di noi non l'ha studiata a scuola e resta nel nostro immaginario come una terra antica. Meteora è uno di quei luoghi che bisogna vedere per capirla.

      Elimina
  12. Bellissimo questo articolo. Le Meteore mi attirano da un sacco di tempo ma, quando si tratta di Grecia, prende sempre il sopravvento la voglia di mare...deov metterlo in programma come viaggio primaverile...grazie per le dritte!

    RispondiElimina
  13. Grazie per i suggerimenti. Meteora è nella mia lista dei viaggi da fare

    RispondiElimina